Hai il bruciore di stomaco o GERD? Prova la genziana, un’erba per la digestione

Milioni di persone affrontano non solo il flagello del bruciore di stomaco, reflusso acido e GERD (malattia da reflusso gastroesofageo), ma anche il consumo cronico di bloccanti degli acidi e inibitori della pompa protonica e le molte potenziali malattie che potrebbero anche essere causate da loro. Tuttavia, esiste un’erba che, se usata regolarmente, può aiutare a ridurre l’incidenza e la gravità di queste condizioni e persino a diminuire la necessità di bloccanti degli acidi.

La genziana (con il nome tassonomico Gentiana lutea) è una delle migliori erbe per supportare la digestione. Migliora le azioni naturali del corpo e non funziona contro di loro. Nell’atto della digestione, il corpo normalmente secerne la saliva in bocca per iniziare la digestione dei carboidrati (e, in misura minore, delle proteine). L’acido cloridrico viene quindi secreto nello stomaco per scomporre ulteriormente le proteine. Il corpo secerne anche vari enzimi digestivi dalla cistifellea (e per estensione, dal fegato) e dal pancreas per assistere ulteriormente la digestione di grassi, carboidrati e proteine. Infine, lo stomaco e l’intestino si impegnano nella peristalsi, o movimento ritmico, per garantire che ogni ultimo pezzetto di cibo venga a contatto con i succhi digestivi e abbia la migliore opportunità di essere assimilato nel corpo. La genziana aumenta la secrezione del corpo dei succhi digestivi e, in una certa misura, aumenta anche la peristalsi. Detto questo, non aumenta il rischio di diarrea a meno che non si overdose. C’è anche una teoria secondo cui, se assunta dopo i pasti, la genziana in realtà (in modo innocuo) riduce la peristalsi.

La genziana è un’erba molto amara, ma questo è ciò che la rende così benefica per la digestione. Immagina di mangiare qualcosa di amaro. Qual è la tua prima risposta? Per sputarlo, giusto? Questo è il tuo corpo che cerca istintivamente di proteggersi da qualcosa di potenzialmente velenoso. Ma se finisci per ingoiare questa sostanza amara e potenzialmente dannosa, il corpo vuole distruggerla il più possibile. È qui che entra in gioco la secrezione dei succhi digestivi del corpo e l’aumento della peristalsi. La genziana non è velenosa, almeno in dosi di 5-30 gocce di tintura alla volta. (Come per ogni cosa, inclusa l’acqua, la dose determina se una sostanza è utile o dannosa.)

Il modo migliore per assumere la genziana è diverso da come vengono prese la maggior parte delle altre preparazioni a base di erbe. Di solito, le persone prendono capsule, bevono tè o spruzzano uno o due contagocce di una tintura in bocca, quindi la lavano con acqua. Ma con la genziana, l’azione più benefica si vede quando la si assaggia. Quindi la dose, ancora una volta, è di 5-30 gocce di una tintura, in circa 4-8 once d’acqua. Sorseggia l’acqua lentamente circa 10 minuti prima di mangiare per stimolare la digestione. Puoi anche usare la stessa dose dopo aver mangiato se senti quella tipica sensazione di “mattone nello stomaco” che non va via facilmente. Può anche aiutare in caso di lieve nausea dopo un pasto. Naturalmente, se non riesci a sopportare il gusto della genziana, puoi prendere anche capsule che stimolano la digestione.
If you liked this post and you would certainly such as to receive even more facts regarding liquore genziana kindly go to our own site.

Dichiarazione di non responsabilità: la genziana non è sempre l’erba migliore da raggiungere nei casi gravi di GERD. A volte, c’è così tanta infiammazione nell’esofago che stimolare più acido nello stomaco potrebbe essere dannoso. Qui, le erbe e la nutrizione per lenire l’esofago e ridurre l’infiammazione possono essere necessarie prima di usare la genziana. Anche le sensibilità alimentari possono avere un ruolo nella GERD, quindi se hai a che fare con GERD che non sembra rispondere a terapie diverse, questa potrebbe essere una strada da esplorare. Infine, sebbene non necessariamente dannose, le proprietà di produzione di acido della genziana contrastano temporaneamente le proprietà antiacido degli bloccanti degli acidi e degli inibitori della pompa protonica, rendendoli potenzialmente meno efficaci. In ogni caso, GERD è un problema potenzialmente serio che dovrebbe essere gestito da un professionista sanitario esperto nel supportare i processi di guarigione naturale del corpo, o co-gestito con un gastroenterologo nei casi più gravi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *